home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image

Don’t Give a Shit, 16 Settembre 2011, Bari

Apre i battenti Venerdì 16 settembre “Don’t Give a Shit”, il progetto lanciato da  Giuseppe Santoro e dall’Associazione Vroots che coinvolge alcuni dei nomi più conosciuti della street art nazionale ed internazionale.

I don’t give a shit”, una frase forte, inconfondibilmente drastica e fedele al pensiero di chi la pronuncia. “Non mi interessa niente/ non me ne frega un cazzo” di chi mi vuole fermare, delle conseguenze di  quello che sto facendo, di cosa può signifi­care il mio gesto e di quello che la gente dice e pensa. Soprattutto se siamo nel bronx degli anni ’80, quando nasce il writing nei ghetti di New York.

Dal sentimento forte di questa frase nasce il concept della mostra.  La ribellione, il bisogno di affermazione sentito con assoluto fervore da quei  ragazzi che prendevano d’assalto ogni centimetro di suolo urbano per testimoniare la propria presenza in uno  dei quartieri ritenuti più pericolosi e malfamati della  città e, al tempo stesso, per un istinto di repulsione nei confronti delle repressioni e delle campagne contro il writing. Le carrozze della metro dipinte  vengono cancellate, i depositi recintati, si mettono  taglie sui writers e si piazzano pattuglie. Nonostante  ciò, i writers non si sono placati e la loro tenacia ha portato all’evoluzione e all’ampliamento del fenomeno.

They just don’t give a shit.

Oggi, l’arte urbana è sempre più diffusa,  dalla moda al settore automobilistico, la culturalizzazione dell’economia riguarda il fenomeno del writing allontanandolo sempre più dall’illegalità del trentennio scorso.

Ancora una volta l’Associazione Vroots si impegna ad avvicinare la cultura urbana alla realtà barese contemporanea. L’intento è duplice: uno sguardo al passato, una rievocazione di elementi che hanno fatto la storia  della cultura mondiale del writing e una riflessione sull’attualità e sulla forza creativa del writing nel XXI  secolo.

Nella settimana precedente all’esposizione ­gli artisti, ospiti nella città di Bari, realizzeranno opere su  carrozzerie e su pezzi da rottamare. Questo il simbolo scelto in occasione dell’iniziativa per rievocare gli  aspetti originari del writing.

Vernissage venerdì 16 settembre ore 21.00
Proprietà Colavecchio – fraz. Balsignano,
Modugno – Bari (Italy)

Artisti
Petro (UK), Jake (NL), Mickey (NL), Bizarre Dee a.k.a. Imos (ITA), Goldie (ITA), Lauda (ITA), Clark (ITA), Giose (ITA), Soap (ITA), MestMove (ITA).

Leggi anche

staple-x-coca-cola

Staple X Coca-Cola

Streetwear

Nella sua ultima collaborazione con Coca-Cola, Staple prende il posto di ghiaccio e limone in una capsule che recupera alcune vecchie campagne pubblicitarie dedicate al …

fila-summer-2019

Fila Summer 2019

Streetwear

Siamo quasi maggio, quindi sai benissimo cosa significa: l’estate è vicina. I pezzi grossi dello streetwear si sono già mobilitati, sguinzagliando i team creativi alla …

mid-season-sale-ss-2019

Mid-Season Sale

Abbigliamento

Cambio stagione alla grande, arrivano i Mid-Season Sale. Sconti fino al 30% sugli articoli Spring e tanta bella roba pronta a finire nel tuo sacchetto. …

yeezy-boost-700-analog

Yeezy Boost 700 “Analog”

Store News

Come successo con gli ultimi modelli, adidas e Kanye presentano una nuova Yeezy che ricalca gli outfit della famiglia West al “Sunday Service” della domenica. …

new-era-retro-pack

New Era “Retro Pack”

Streetwear

Per omaggiare la storia della lega più bella del mondo, la linea New Era “Retro Pack” utilizza i loghi delle squadre NBA più rappresentative su …

nike-x-atmos

Nike x atmos

Sneakers

La love story tra Nike e atmos Tokyo si rinnova con una capsule ispirata all’abbigliamento sportivo anni ’90 dello Swoosh. Aperto nel 2000 dal guru …