home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image

Staple Spring 17 Collection

spectrum-milano-Staple-Spring-17-Collection-1

Il fatto che il celebratissimo documentario “Sneakerheadz” di Netflix sia iniziato con il faccione del fondatore di Staple in primo piano a snocciolare un sacco di aneddoti non è decisamente un caso: il buon Jeff ha rivestito un ruolo centrale nella formazione e nell’espansione della cultura street a New York, un po’ come vincere la Champions con il Real. Il suo Pigeon logo è lo stendardo attorno a cui si è radunata l’intera scena streetwear di fine anni ’90, l’emblema di un movimento culturale e di un modo di pensare che spaziava dalla musica alla moda, passando attraverso il mondo degli skaters e degli street-baller. Staple è diviso in tre sezioni: un reparto che cura la linea di abbigliamento, un punto vendita e un’agenzia di consulenza d’immagine, che tra tante collabo di successo ha creato anche la leggendaria Nike Dunk SB Low “NYC” Pigeon, sostanzialmente le sneakers che hanno dato il via all’era dei campout e delle limited edition per come le conosciamo oggi. La nuova collezione Spring 17 non esce dai binari che abbiamo descritto qui sopra: un treno carico di hype ricco di felpe e T-shirt Staple che si pone come metro di paragone e confronto per tutti gli altri brand – perché Staple non asseconda i trend, li crea. La proposta è come al solito ampia: dai prodotti più tipici del team di designer della grande mela come i prodotti con grafiche Sails fino a pezzi caratterizzati da pattern camo e logo nero a contrasto (un bel Ambush Bomber è quello che fa al caso nostro per la primavera, per esempio). Non potevano mancare i Pigeon Script Cap con il mini logo del pennuto più comune sulle rive dell’Hudson, ma la vera figata sono il Satin Tech Hoodie e la Souvenir Jacket: il piccione ha spodestato l’aquila – o la classica tigre, che ha un po’ rotto le palle – in una azzeccatissima parodia della moda del momento, con il pennuto di Staple che ricalca la picchiata dell’aquila con le montagne sullo sfondo. Ancora una volta due passi in avanti, non c’è competizione.

La nuovissima Staple Spring 17 Collection è ora disponibile sullo Staple Store di Graffitishop.
Naviga il nostro sito e scopri le offerte del nostro Outlet.

spectrum-milano-Staple-Spring-17-Collection-6

spectrum-milano-Staple-Spring-17-Collection-4

spectrum-milano-Staple-Spring-17-Collection-2

spectrum-milano-Staple-Spring-17-Collection-3

spectrum-milano-Staple-Spring-17-Collection-5

 

Leggi anche

street-talks-fabri-fibra

Street Talks: Fabri Fibra

Feature

Fabri Fibra e le adidas Superstar Fabri Fibra è una delle colonne portanti del rap italiano. Così ci siamo beccati in studio da lui e …

winter-sale-2019-40-off

Winter Sale 2019 – 40% OFF

Promo

Bella raga, buon anno! Sarai ancora tutto sballato, quindi facciamo in fretta. Da domani, giovedì 2 gennaio, hai fino al 40% di sconto su un …

rip-n-dip-x-mario

Rip N Dip x Mario

New in Store

Oltre a essere disponibile su Graffitishop, la collezione Rip n Dip ispirata a Mario è sbarcata anche in Casati. Una mini capsule da 4 pezzi in totale: …