home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image

Puma Suede Super

spectrum-milano-Puma-Suede-Super-4

Dal saluto di Tommie Smith e John Carlos a Rihanna, Puma ne ha fatta parecchia di strada: nonostante divida sangue e città natale con un altro colosso dello sportswear mondiale come Adidas, il felino ha saputo costruirsi un’identità ben precisa legando il proprio logo a una serie di eventi cardine della pop-culture della seconda metà del secolo scorso. Nata strizzando l’occhiolino al basket, si è emancipata dal profumo di gesso degli umidi palazzetti americani per affrontare nuove sfide in altri ambiti, diversificando la propria produzione e acquistando sempre più popolarità grazie all’evento di cui sopra e alla cultura hip-hop. Per gli MC del Bronx, di Compton, di Fulton Street e di tutte le altre città le sneakers Puma – assieme alle All-Star e poche altre – diventano il simbolo dello state of mind del ghetto: erano le preferite degli atleti afro-americani diventati poi eroi della black exploitation, quindi averne un paio era automaticamente mainstream e super cool. Anche la recente serie Tv The Get Down ha sviscerato questa questione, curando nei minimi dettagli l’abbigliamento dei propri protagonisti per rendere a 360 gradi l’irripetibile mood degli anni ’70, sulla falsariga di un capolavoro come Straight Outta Compton.

Se analizziamo il roster di endorsers di cui dispone, poi, è palese che non solo non abbia perso l’influenza e il ruolo chiave che esercita nella street culture, ma anzi che abbia acquistato fama e importanza: affianco ad atleti del calibro di Usain Bolt, Buffon (e Donnarumma, giusto per cautelarsi) e Griezmann troviamo i migliori rapper d’oltre oceano – The Weeknd e Big Sean sono una coppia da impazzire. Per non parlare delle tantissime muse ispiratrici, le più paty tra le paty, un club ristrettissimo e esclusivo che fa perdere la testa solo a nominarlo: infatti Puma si è assicurata Gigi Hadid, Kylie Jenner, Cara Delevingne e – rullo di tamburi – niente meno che Rihanna, la sensuale regina dell’hip-hop mondiale.

Questa continuità trova il match ideale nei prodotti: materiali di alta qualità, background vintage e un rispetto religioso delle tradizioni e delle roots che hanno portano Puma così in alto: è il caso delle Puma Suede Super, che modificano leggermente lo shape delle OG aggiungendo una forma arrotondata della tomaia alla spessa suola in gomma, inclusa una speciale grafica della soletta interna e l’immancabile onda a contrasto. Un evergreen dello streetwear mondiale riproposto nelle due versioni più classic su piazza: non potevamo immaginare niente di meglio.

Scopri ora le nuovissime Puma Suede Super sul Puma Store di Graffitishop.
Tieni d’occhio anche i prodotti del nostro Outlet e scova qualche tesoro nascosto ogni giorno.

spectrum-milano-Puma-Suede-Super-5

spectrum-milano-Puma-Suede-Super-1

spectrum-milano-Puma-Suede-Super-2

Leggi anche

orario-estivo-2018

Orario Estivo 2018

Store News

Pensa se passi tutto l’anno a programmare le vacanze estive e il giorno prima ti tolgono le ferie: DELIRIO. Noi resistiamo stoicamente da Spectrum, nel …

introducing-australian

Introducing Australian

Streetwear

Nata con il nome poco friendly di Alpina Maglierie Sportive, Australian diventa tale solo nel 1956, quando decide di dedicarsi al tenniswear e portare la …

reebok-aztrek

Reebok Aztrek

Sneakers

Il 1993 è stato un anno grandioso: Bill Clinton saldo al timone degli States, “Jurassic Park” faceva il pienone al botteghino mentre gli UB40 dominavano …