home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image
home-slide-image

Nike Air Max 93 OG

Quando l’uomo che ha rivoluzionato le sneaker sceglie la sua scarpa preferita non si tratta mai di una scelta casuale: con l’Air visibile a 270°, le Air Max 93 hanno fatto breccia nel cuore di Tinker Hatfield grazie a un design ispirato a un oggetto nobile, il simbolo del consumismo americano e della globalizzazione crescente – insomma, le confezioni in plastica del latte. Il profilo bombato delle bottiglie che si vedono in ogni serie Tv americana degna di questo nome ha spinto il team guidato da Tinker a ricercare nuove tecniche per lavorare la plastica attorno all’Air, sfociando in una Air Unit che si estende fino al tallone, migliorando comfort e cushioning. Un modello di nicchia, una sneaker Nike per veri appassionati dello Swoosh e capace di ispirare i nuovi successi del brand di Portland come le recenti Air Max 270: ritorna ora in questa retro della colorazione OG con rassicurante mix di mesh, pelle e nubuck sulla tomaia e una calzetta in neoprene all’interno, con Swoosh laterale, inserto sul tallone e insole color “Sport Turquoise” – Nike ha cambiato il nome dello schema-colore, ma state tranquilli perché stiamo parlando della tonalità originale.

Le Nike Air Max 93 OG sono ora disponibili sul Nike Store di Graffitishop. Disponibilità limitata.
Scopri tutte le promozioni del nostro Outlet Nike costantemente aggiornato.

Leggi anche

alpha-industries-s-s-18

Alpha Industries S/S 18

Streetwear

Abituato a badare al sodo, la nuova collezione di Alpha Industries propone un range di outerwear di stampo militare senza disdegnare qualche dettaglio più street, …

nike-air-max-98-cone

Nike Air Max 98 “Cone”

Sneakers

Una volta assolto il compito giusto e doveroso di riproporre le due colorazioni OG (inglesismo brutto, scarpe belle), con le “Cone” Nike si è sbizzarrita …

obey-spring-18

Obey Spring 18

Streetwear

Un po’ Waldo sotto steroidi, un po’ studenti fuori corso di un college snob dell’Ivy League a scelta tra Princeton e Harvard: tra citazioni grafiche …