home-slide-image

Nike Air Huarache “Scream Green”

Dietro le intuizioni più geniali c’è sempre qualcuno che vuole cambiare la realtà. Sembra la storia delle Air Huarache, che sono diventate qualcosa di concreto grazie alla dedizione di Tinker Hatfield e all’azzardo di qualche executive Nike.

Prima di scendere nei dettagli più tech, proviamo a risalire ai motivi che hanno spinto Nike a scommettere su una sneaker così disruptive e quali modelli hanno contribuito al design delle “Harrachi” – il loro nome originale, visto che la forma ricorda quella dei sandali messicani.

Nike ha sempre avuto una certa ossessione per il concetto di Dynamic Fit. Le Huarache sono l’apice di un processo creativo lungo e tortuoso, un retaggio della convinzione di Bill Bowerman, secondo cui la scarpa perfetta è quella che può adattarsi a ogni atleta.

Questa idea di modellare le sneaker su chi le indossa fa parte del DNA di Nike dal giorno zero, ma ha trovato uno sviluppo tangibile nel 1986 con il trittico Air Sock, Sock Trainer e Sock Racer. Nello specifico, le Air Sock sono le prime con una tomaia elastica, pensata per la maratona e per correre su lunghe distanze. Hanno spianato la strada a una serie di modelli leggendari – Aqua SockAir FlowAir Current – e hanno spinto Tinker a osare di più, trovando nelle Huarache un perfetto interprete del tanto agognato Adaptive Fit.

Le Huarache mutuano la loro famosa calzetta in neoprene dagli stivaletti per fare sci nautico; questa struttura elastica avvolge il piede in modo uniforme, restituendo una sensazione di comfort riassunta in classico stile Nike nel commercial “Have you hugged your foot today?”. In più, un esoscheletro asseconda il movimento del piede durante la corsa, garantendo la giusta dose di supporto. Infine, un inserto flessibile e brandizzato “Nike” sostituisce il solito counter heel sul tallone, rompendo l’ennesimo cliché sulle scarpe da corsa.

Un design avanti anni luce, “qualcosa che sembra uscito dalla scarpiera di Zeus” nelle parole di Sandy Bodecker, uno dei primi a credere nel progetto che ha consacrato Nike come simbolo di innovazione, coraggio e perseveranza.

Le Air Huarache “Scream Green” saranno disponibili dalle 00:00 CET di venerdì 12 marzo.
Per chi acquista online o da Spectrum, ogni paio include il nostro booklet “Sneaker of the Gods”, un approfondimento sulla storia delle Huarache.

Leggi anche

420-stoners-and-social-stigma

420, stoners and social stigma

20/04/2021 Lifestyle

Anche se lo chiedi ai pot smokers più assidui, ognuno ha la sua versione sull’origine del termine 420. Per qualcuno deriva dal numero delle sostanze chimiche presenti …

lookbook-ss21

Lookbook SS21

19/04/2021 Streetwear

Con le giornate che si allungano, e un clima che inizia a mantenere le promesse, sale la voglia di nuovi outfit. Costruito attorno ad alcuni …

puma-wild-rider

Puma Wild Rider

14/04/2021 Sneakers

“City in motion” è una frase che offre uno spaccato delle città di oggi, organismi liquidi che cambiano faccia con una rapidità impossibile da prevedere …

vans-x-penn

Vans x Penn

13/04/2021 Streetwear

Negli ultimi anni, mondi che prima viaggiavano quasi parallelamente, senza sfiorarsi, hanno iniziato a dialogare. Vans x Penn è frutto di questo continuo processo di mix …

the-rise-of-outdoor-arcteryx

The rise of outdoor: Arc’Teryx

31/03/2021 Streetwear

Ormai chi è dentro il nostro mondo street sa che lo stile gorpcore verte sulla funzionalità, visto che si basa sul ricollocamento dei capi techwear e hiking nel …

nike-air-structure-og

Nike Air Structure OG

25/03/2021 Sneakers

Dopo le Air Huarache, un’altra Nike festeggia i suoi 30 anni con una riedizione della colorway OG. Le Air Structure sono pronte a tornare sulla …

stussy-spring-2021

Stüssy Spring 2021

19/03/2021 Streetwear

La nuova lineup stagionale di Stüssy è un inno all’essential wear. I concetti chiave sono layering e versatilità, espressi attraverso una selezione di capi basic e colorway …

Archives