home-slide-image

Q&A con Kirill Kogan

Kirill Kogan (@kogancult) è un illustratore tedesco di origine russa cresciuto a pane e Dragon Ball Z. La fissa per videogiochi, fumetti e cartoni lo ha fatto avvicinare al disegno già da piccolo, e oggi produce fumetti e grafiche per brand che sono una specie di famiglia allargata per uno skater come lui, tra cui Brain Dead e Polar Skate.

Abbiamo approfittato della sua ultima collaborazione con Carhartt WIP per fare due chiacchiere su videogiochi, lavoro e progetti futuri.

Ciao Kirill. Prima curiosità: scrollando il tuo profilo Instagram si vedono un sacco di illustrazioni e disegni sci-fi. Da dove arriva questa fissa?
Quando avevo 6 o 7 anni ero sempre a casa da solo. Mi annoiavo, così mi sono attaccato alle VHS pirata di Star Wars dei miei vicini. Quando mi sono trasferito in Germania ho iniziato con i videogiochi, soprattutto FPS: Half Life, Counter Strike e altri titoli che non ho mai dimenticato.

Tanti di noi sono cresciuti guardando Dragon Ball e leggendo Naruto. Quali cartoni e fumetti sono stati importanti per te? Per cosa sei in fissa ultimamente?
I fumetti sono una scoperta recente, perché da piccolo passavo un sacco di tempo davanti alla Tv, quindi guardavo soprattutto film e cartoni. Per un po’ ho venduto disegni di DBZ per 2€, a scuola. I ragazzini si picchiavano per averli; erano davvero fighi, in effetti.
Adesso mi gasano molto Berserk, JoJo e quasi tutte le cose giapponesi. Anche i fumetti americani sono una bomba; alcuni autori di graphic novel spaccano, e Benjamin Marra è un genio.

Oltre agli artwork, sei anche uno skater. Come hai iniziato?
Quando ero già in Germania, grazie a un amico. Devo molto allo skate. Credo formi il Charakter, ti fa conoscere un sacco di persone. È così che ho iniziato a lavorare con Polar e Brain Dead.

Ecco, hai collaborato o stai collaborando con un sacco di brand. Che progetti hai per il futuro?
Ho un sacco di roba per le mani, ma non posso ancora parlarne, è tutto top secret. Brain Dead è tipo la famiglia, quindi con loro combino sempre qualcosa. Idem per Carpet e Market. In questo momento sono molto in hype per il mio primo libro, che spero di pubblicare quest’anno.

Leggi anche

design-inform-recycle

Design Inform recYcle

18/05/2022 outdoor

Prendendo spunto dall’esigenza fondamentale di ridurre l’impatto ambientale delle attività outdoor senza rinunciare alla protezione di gear di alta qualità, SPECTRUM ha collaborato con il …

no-borders-behind-bars

No borders behind bars

28/04/2022 Lifestyle

Inocent Kidd, tatuatore hand-poke, ha imparato a tatuare in una prigione colombiana. Oggi continua la sua detenzione e la sua attività sottobanco in Francia. Attraverso …

imaginary-bear-spotting

Imaginary Bear Spotting

21/04/2022 outdoor

Il fotografo e documentarista iper-(ir)realista Eric Persona ha intrapreso un viaggio visivo esplorando le narrazioni locali sull’iconico orso bruno sloveno, documentando la presenza artificiale legata …

minimal-surface

Minimal Surface

30/03/2022 Store News

L’intervento umano, diviso tra la volontà impossibile di mimesi della natura e la necessità di sfogare lo stimolo creativo, ricopre una superficie minima quando è …

the-new-life-of-dated-innovation

The new life of dated innovation

28/03/2022 Lifestyle

Le pagine d’archivio occupano uno spazio sempre più ampio nei feed degli utenti fashion-conscious. In mezzo al caos spersonalizzato dei venditori di vintage, i curatori …

Archives