New Balance

New Balance è un brand sportswear e lifestyle che produce scarpe da corsa di alta qualità e abbigliamento sportivo. Fondata nel 1906 con il nome "The New Balance Arch Support Company", l'azienda inizialmente si occupava della produzione di archi plantari per migliorare la performance delle scarpe. Questi archi erano così apprezzati che negli anni '50 gli atleti iniziano a chiedere scarpe sportive a marchio New Balance, aprendo la strada alle varie New Balance 990, 991 e New Balance 550. Il nome New Balance fu un’intuizione del fondatore William Riley, “folgorato” dalle zampe a tre dita dei polli, che per lui erano la struttura perfetta per una camminata stabile e uniforme. Se la prima sneaker New Balance viene prodotta ufficialmente nel 1938, la svolta arriva nel 1961, anno in cui l’azienda del New England lancia le Trackster. Si tratta della prima scarpa sportiva con scanalature nella suola, un primo prototipo delle New Balance che verranno dopo, tra cui anche le New Balance 320, le prime con il famoso “N” logo sul lato. Il brand ha due linee premium che affiancano la sua produzione tradizionale, ovvero la linea Made in USA e Made in England, le cui scarpe vengono prodotte nello storico stabilimento di Flimby. In generale, ogni modello New Balance si distingue per una qualità e un’attenzione nella scelta dei materiali superiore alla media degli altri brand, ma queste due linee portano questa caratteristica all’estremo con tomaie in suede pigskin, pelle trattata, midsole ENCAP e tanto altro. L’ingresso di Teddy Santis, già fondatore di Aimé Leon Dore, come direttore creativo ha fatto entrare il brand in una nuova dimensione. Grazie alla capacità di Teddy di fondere streetwear e high fashion con altre influenze culturali, tutta la New Balance 99 Series - che include New Balance 990, 991, 992 e via dicendo - ha vissuto una seconda giovinezza, così come le New Balance 550, una sneaker bassa che rappresenta perfettamente la nuova golden era del brand americano.

Dove vengono prodotte le New Balance?

Tra i vari brand streetwear, le sneakers New Balance sono quelle con la qualità media più alta. Da sempre, il brand americano punta su materiali e tessuti di alta qualità per la tomaia, e su feature tecnologiche che rendono le sue scarpe comodissime. Parte della produzione delle sneakers New Balance è rimasta negli Stati Uniti e in Inghilterra, in stabilimenti iconici come quello di Flimby, seguendo processi quasi artigianali per la cura che viene messa in ogni singolo paio. In più, l’arrivo di Teddy Santis come direttore creativo ha spinto il brand a prestare ancora più attenzione al discorso qualità; il suo approccio è sempre stato quello di partire dall’heritage e dall’archivio per creare prodotti unici e molto curati. Questo suo modo di lavorare tocca anche le sneakers ovviamente. Tomaia in pelle pigskin, dettagli in suede lavorato, colori facili da abbinare, pannelli in mesh traspirante: sono questi gli ingredienti della ricetta vincente che sta dietro le New Balance x Teddy Santis, una linea di sneakers casual premium ispirata alla legacy del footwear americano.

Quanto costano le New Balance?

Il prezzo medio di una New Balance si aggira sui €200. Una cifra leggermente superiore a quella di altri brand, ma questo perché New Balance cura ogni dettaglio delle sue sneakers: tecnologia, comfort, durabilità, estetica.

Come vestono le New Balance?

Chiaramente la vestibilità dipende dal modello e da una serie di altri fattori - materiali, larghezza della pianta e via dicendo - ma di base possiamo dire che le sneakers New Balance hanno una vestibilità nella media. Prendiamo le NB 990 come esempio, ma lo stesso vale per le NB991 o le NB992: ne esistono diverse varianti, che puoi riconoscere dalla dicitura New Balance 990 v1, 990 v2 e così via, ma la taglia consigliata resta la stessa per ogni modello. E questo vale sia per le New Balance OG, quindi tutte quelle della 99 Series, che le New Balance più recenti. Una lista abbastanza lunga che include design d’archivio reworked, cioè scarpe che hanno debuttato negli anni ‘80 o ‘90 ma sono state rimodernate in tempi recenti, come le New Balance 2002R, ma anche modelli assolutamente inediti, come le New Balance 550, ispirate ad alcune silhouette del passato ma che si possono considerare nuove a tutti gli effetti.

Quale New Balance scegliere?

Nonostante il suo imprint sia abbastanza chiaro, e la sua cifra estetica molto riconoscibile, il brand del Midwest offre un ventaglio di opzioni abbastanza ampio per accontentare ogni sneakerhead e appassionato di scarpe. La quota heritage e OG è soddisfatta dalle New Balance 1500 e 920, scarpe rigorosamente Made in England con nubuck, suede e pelle di alta qualità abbinate a una midsole con tecnologia Encap®. C’è poi una parte premium che include collaborazioni streetwear con realtà importanti o brand più piccoli, selezionati per l’apporto che possono portare al brand. Una lista che include colossi Carhartt WIP e Patta, ma anche progetti indipendenti come Salehe Bembury e Joe Freshgoods. New Balance ha anche una linea outdoor composta da scarpe da montagna in GORE-TEX® con suola Vibram® e tecnologia anti urto, come le NB Fresh Foam Hierro. E poi tutta una serie di beaters e scarpe lifestyle da uomo poco impegnative come le 574 e le CT302, oltre a una linea di sneaker ibride e sperimentali, con elementi strutturali moderni e una composizione eco-friendly. È il caso delle New Balance XC-72, un modello da running con tomaia in tessuto ripstop, linguetta in spugna e suola in gomma che arriva fino alla toebox. Una combinazione di passato e presente, con lo sguardo sempre rivolto al futuro, in pieno stile New Balance.





Spedizione standard gratis

Con una spesa minima di € 50
Scopri

Reso gratis

30 giorni di tempo
Scopri

Pagamenti comodi e sicuri

Carte, Paypal o contanti alla consegna
Scopri